Prove di tenuta con ultrasuoni

La prova di tenuta con ultrasuoni rappresenta una metodologia non distruttiva per l’ispezione e la verifica dell’integrità di serbatoi e sistemi di tubazioni.

Essa utilizza le onde sonore ad alta frequenza per identificare variazioni di pressione, flussi di gas o liquidi, e anomalie strutturali, che possono indicare la presenza di perdite o difetti. Tale tecnica si distingue per l’estrema sensibilità e precisione, rendendo possibile la rilevazione di anche minime perdite non identificabili con altri metodi di controllo. 

È la scelta ideale per chi cerca una soluzione avanzata, durevole e efficiente per preservare e proteggere le superfici.

SDT TankTest System

Per le prove di tenuta, viene utilizzato il rilevatore ad ultrasuoni SDT270, incarna l’avanguardia nella tecnologia di ispezione. Questo sistema sofisticato, parte integrante del SDT TankTest System, è progettato per il collaudo di serbatoi con precisione chirurgica, permettendo l’identificazione tempestiva di potenziali perdite e garantendo manutenzione predittiva e monitoraggio costante delle condizioni del serbatoio.

La sua applicabilità si estende su diversi fronti, evidenziando la versatilità e l’efficacia di tale strumento nell’ambito del monitoraggio e della manutenzione predittiva. Gli ambiti di utilizzo all’interno di un impianto comprendono:

Monitoraggio
delle Condizioni
Meccaniche

La capacità di identificare precocemente problemi sui cuscinetti, permettendo un intervento mirato prima che queste anomalie possano evolversi in criticità maggiori.

Monitoraggio Ultrasonoro Lubrificazione Cuscinetti

La tecnologia consente di determinare la quantità ottimale di lubrificante richiesta, ad intervalli temporali appropriati, riducendo il rischio di sovra o sotto-lubrificazione.

Rilevamento di Perdite Aria Compressa
e di Gas

Un'applicazione cruciale, che tramite la rilevazione di perdite d'aria contribuisce in modo determinante alla riduzione del consumo energetico e al miglioramento dell'efficienza operativa.

Rilevamento dei Guasti delle Apparecchiature Elettriche

L'utilizzo di ultrasuoni per l'ispezione di sistemi elettrici offre una modalità sicura di rilevamento dei guasti, prevenendo potenziali pericoli e migliorando la safety operativa.

Monitoraggio
Scaricatori
di Condensa

Essenziale per assicurare che il vapore generato sia di qualità ottimale, sicuro e che mantenga un'elevata efficienza dal punto di vista energetico.

Monitoraggio delle Condizioni
delle Valvole

Fondamentale per rassicurare l'operatore riguardo lo stato effettivo di chiusura delle valvole, evitando possibili dispersioni o perdite non rilevate.

Monitoraggio dei Sistemi Idraulici

Un'accurata analisi delle componenti degli asset non rotanti, spesso trascurati nelle routine di manutenzione, per garantire l'affidabilità a lungo termine degli stessi.

Prove di tenuta dei serbatoi interrati

L'impegno nel garantire l'integrità e la sicurezza dei serbatoi interrati attraverso test di tenuta di precisione, consente di far fronte con serenità alla gestione delle risorse immagazzinate.

Quali sono i vantaggi del sistema SDT?

Il SDT TankTest System offre numerosi vantaggi, tra cui:

  • La capacità di rilevare perdite di aria compressa e gas contribuisce alla riduzione del consumo energetico;
  • Certificazione di conformità: Assicura che ogni serbatoio sia collaudato in conformità con le normative vigenti, garantendo sicurezza e conformità;
  • Pianificazione di interventi di manutenzione, riducendo i costi e massimizzando la durata degli asset;
  • Monitoraggio efficace contro sversamenti e contaminazioni, salvaguardando l’ambiente;
  • Sistema di rilevamento delle perdite non distruttivo;
  • Applicabile su numerose tipologie di serbatoi ed impianti sia interrati che fuori;
  • Tempo di risposta del sensore estremamente veloce < 9;
  • Certificazione ATEX;
  • Registrazione dati dinamici comparabili, chiari, accurati in file .wave;
  • Strumenti e sensori periodicamente calibrati per assicurare sempre una consistente e ripetibile operatività.

In quali settori industriali può essere utilizzato il sistema sdt?

La sua applicabilità si estende a diversi settori industriali, ciascuno dei quali comporta specifiche esigenze e sfide.

  • Industria Chimica: esaminando processi chimici complessi, il Sistema SDT si rivela essenziale per il controllo delle condizioni di serbatoi e contenitori, prevenendo contaminazioni e perdite di sostanze pericolose;
  • Petrolio e Gas: nel settore energetico, in particolare nella gestione di petrolio e gas, il sistema si dimostra capace di garantire l’integrità di serbatoi e pipeline, un aspetto critico per la sicurezza operativa e ambientale;
  • Alimentare: assicura l’assenza di contaminazioni e il mantenimento degli standard igienici attraverso il monitoraggio rigoroso di serbatoi e sistemi di stoccaggio dei prodotti alimentari;
  • Farmaceutico: nell’industria farmaceutica, dove la contaminazione può avere conseguenze gravi, il Sistema SDT fornisce assicurazione qualitativa attraverso il monitoraggio dell’integrità dei contenitori;
  • Gestione dell’Acqua: vitale nel controllo delle infrastrutture idriche, dove la prevenzione delle perdite e la manutenzione dei serbatoi diventano essenziali per la sicurezza pubblica;
  • Produzione e Processi Industriali: versatile nel monitorare attrezzature e contenitori in vari ambienti produttivi, garantendo così la continuità operativa e la sicurezza;
  • Energia: imprescindibile per l’esame dell’integrità di serbatoi e sistemi di stoccaggio nelle centrali energetiche, contribuendo alla prevenzione di interruzioni e incidenti;
  • Automobilistico: supporta il settore nell’ispezione di componenti e serbatoi, assicurando la conformità ai rigidi standard di sicurezza e performance;
  • Edilizio: fornisce validazione dell’integrità strutturale e di sistemi idraulici integrati nelle costruzioni, punto critico per la sicurezza delle infrastrutture;
  • Navale: garantisce l’affidabilità e la sicurezza delle operazioni di mantenimento delle navi, attraverso il controllo di serbatoi e sistemi ad alta responsabilità;
  • Boccaporti: nel controllo di boccaporti, il Sistema SDT si rivela uno strumento indispensabile per la verifica dell’integrità e l’ermeticità, assicurando così protezione contro perdite di materiali pericolosi.

Cosa dice la normativa?

Nell’ambito della prevenzione e del controllo delle perdite di sostanze potenzialmente dannose per l’ambiente, il mercato nazionale, ha adottato
regolamenti e normative regionali o comunali con particolare riferimento alla gestione dei serbatoi di carburante, che erano stati oggetto di
apposite raccomandazioni illustrate nel Decreto Ministeriale 24/05/1999 n. 246, successivamente abrogato.

Su tali base si può far riferimento per adottare adeguate misure di prevenzione e controllo, orientandosi verso linee guida ideate da UNICHIM / ARPA ed adottate inizialmente dalla Regione Lombardia e in seguito da numerose altre Regioni nel territorio italiano. Non raramente, anche le municipalità emanano regolamenti dettagliando disposizioni da adottare al riguardo.

Gli operatori interessati, pertanto, sono tenuti a consultare l’ufficio tecnico del comune nel cui territorio si trovano i serbatoi per accogliere quale disposizioni devono essere osservate per la corretta manutenzione e conduzione dei serbatoi interrati contenenti sostanze rischiose per l’ambiente.

Generalmente, le regolamentazioni prevedono che i serbatoi siano sottoposti a controllo almeno 15 anni dopo la prima installazione e successivamente ogni 5 anni. Controllati, in questo caso, significa effettuare una prova di tenuta e verificare la funzionalità di tutti gli accessori collegati al serbatoio.

La responsabilità di conformarsi a tutte le azioni di manutenzione ordinaria e straordinaria, in modo diligente, è sempre dell’operatore/proprietario del serbatoio, al fine di prevenire ogni tipo di versamento di prodotto che possa causare un inquinamento del terreno.

L’operatore o proprietario dell’impianto, pertanto, deve tenere aggiornato e archiviare il libretto dell’impianto in cui annotare dati del serbatoio, produttore, data installazione, caratteristiche tecniche, registrazioni delle operazioni manutentive specifiche, sia periodiche che straordinarie, effettuate. Questo include eventuali verifiche di integrità strutturale, prove spessimetriche, riparazioni, ristrutturazioni. Le prove di tenuta effettuate con la relativa documentazione, ossia la taratura dei dispositivi utilizzati, la verifica della competenza del personale responsabile di tali operazioni, sono anch’esse da registrare.

Ogni operatore, al fine di garantire non solo la propria conformità regolativa, ma anche la pertinente sicurezza ambientale ed operativa, deve attenersi meticolosamente a queste disposizioni.